Pacchetti vintage sotto l’albero: spago e ceralacca

.

.

.

Natale si avvicina ed è ora di preparare i pacchetti per i doni natalizi: è un momento speciale a cui dedico sempre almeno una mezza giornata. Mi piace molto cambiare il “look” dei miei pacchi ogni anno e inventare soluzioni accattivanti e originali: amo fare i regali a Natale e il loro “abito” testimonia un gesto di attenzione e affetto a chi li riceve. Fedele allo stile shabby chic, ho scelto una soluzione dal sapore vintage e vissuto: il pacco postale sigillato con la ceralacca.

ceralacca e spago

I pacchetti sotto l’albero di Natale sono parte integrante della decorazione, danno l’ultimo tocco all’ambientazione natalizia della casa e diffondono senso di calore e condivisione.

Quest’anno anche i pacchi saranno nei toni del bianco e del naturale, per armonizzarsi con le palline e i cuori imbottiti che ho scelto per l’albero.

Per la carta stampata a mano occorrono dei fogli di carta da pacco bianca, un paio di spugnette (quelle alte a doppio strato, ruvide da una parte e morbide dall’altra), che useremo come timbri, acquerelli liquidi e un taglierino.

Scegliamo dei motivi semplici, li riportiamo sulla spugnetta (dalla parte morbida) e, con l’aiuto del taglierino, asportiamo la spugna tutt’attorno al contorno, ricavando il timbro.

Versiamo un po’ di colore in un piattino e intingiamo la spugna: prima di imprimerla sulla carta, scaricate un po’ di colore premendo la spugna sul bordo del piattino.

Appoggiamo il timbro sulla carta (lato opaco) e diamo una leggera pressione. Non importa che i contorni siano ben definiti e che le impronte siano tutte uguali: il fascino delle cose fatte a mano risiede proprio nell’imperfezione, nell’irregolarità.

Quando i fogli saranno asciutti, finalmente possiamo dedicarci ai pacchetti. Dopo aver avvolto i regali nella carta dobbiamo chiuderli con lo spago e la ceralacca, non usate scotch all’esterno per fissare la carta, meglio dei quadratini nascosti di biadesivo.

Ci occorrono dei bastoncini di ceralacca, una candela, dello spago, un sigillo ed un tampone con inchiostro oro o argento.

Per far si che non si formi una specie di monte in ceralacca sopra il nodo, questo deve risultare il più possibile piatto. Ora vi mostro la sequenza da seguire:

Ultimo tocco la ceralacca: va sciolta sulla fiamma viva e depositata, a più riprese, al centro del nodo, fino a che non si formi un bel bollo, pronto da imprimere con il sigillo.

Importantissimo: il sigillo va impregnato ogni volta con l’inchiostro o, se vogliamo usarlo “a secco”, deve avere un velo d’olio per evitare che la cera penetri nelle incisioni.

Ultimissimo tocco le etichette sui pacchi: le ho scaricate qui.

regali sotto l'albero

Impacchettati così sembrano arrivati da molto lontano!

A presto e buon divertimento.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...